Comune di Poggio San Marcello

COMUNE DI POGGIO SAN MARCELLO                                  CIS Srl - SERVIZIO ENTRATE
Tel 0731-813446 Fax 0731-813505                                           Tel 0731-778720 Fax 0731-778733
sito: www.comune.poggiosanmarcello.an.it                                sito: www.cis-info.it

 

I.M.U. ACCONTO 2016 - SCADENZA 16/06/2016

 
L’art. 13 del D.L. n. 201/2011 convertito con modificazioni dalla Legge n. 214 del 2011 stabilisce che:
  1. L’IMU non si applica al possesso dell’abitazione principale e delle pertinenze della stessa ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8, A/9 - Suddetta abolizione dell’IMU si applica anche alle fattispecie assimilate all'abitazione principale da Regolamento Comunale:
  2. abitazione e relative pertinenze possedute a titolo di proprietà o d’usufrutto da soggetto anziano o disabile che ha acquisito la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata o detenuta da parte di soggetti terzi
  3. L’imposta municipale propria non si applica altresì:
  4. alle unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;
  5. ai fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal Decreto del Ministero delle Infrastrutture 22/04/2008, pubblicato nella G.U. n. 146 del 24/06/2008;
  6. alla casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
  7. ad un unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare,posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenete alle forze armate e alle forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del corpo nazionale dei vigili del fuoco, fatto salvo quanto previsto dall’art. 28 comma 1 del D. Lgs. 19/05/2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica;
  8. alla sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti Aire, già pensionati nei rispettivi paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia,a condizione che non risulti locata o datata in comodato d’uso
  9. ai fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all’articolo 13, comma8, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, e successive modificazioni;
  10. ai fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, fin tanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati
     
ESENZIONE TERRENI AGRICOLI
A far data dal 1 gennaio 2016 i terreni agricoli sono esenti in base a quanto previsto dall’art. 1 comma 13 della legge n. 208/2015.
 
ABBATTIMENTO 50%  DELLA BASE IMPONIBILE
A far data dal 01/01/2016 è previsto l’abbattimento al 50% della base imponibile:
IMMOBILI LOCATI A CANONE CONCORDATO
Per gli immobili locati a canone concordato di cui alla legge 9 dicembre 1998, n. 431, l’imposta, determinata applicando l’aliquota stabilita dal comune, è ridotta al 75 per cento.
 
ALIQUOTE E DETRAZIONI
La rata di acconto 2016 dovrà essere pari al 50% dell’imposta dovuta.
aliquota fabbricati in genere ed aree fabbricabili 9 per mille
aliquota abitazione principale solo per categoria A/1- A/8 - A/9 e relative pertinenze (C/2 - C/6 - C/7), così come definite dall'art. 13, comma 2, del Dl. n. 201/11
Dall'imposta dovuta per l'unità immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo e per le relative pertinenze si detraggono, fino alla concorrenza del suo ammontare, € 200,00 rapportati al periodo dell'anno durante il quale si protrae tale destinazione; se l’unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi proporzionalmente alla quota per la quale la destinazione medesima si verifica
4 per mille
 
DICHIARAZIONE IMU
La dichiarazione IMU relativa al 2016 e le eventuali autocertificazioni per l’applicazione di aliquote agevolate o esenzioni devono essere presentate all’Ufficio Tributi del Comune entro il 30/06/2017.
 

TASI ACCONTO 2016 - SCADENZA 16/06/2016

 
Il presupposto impositivo della TASI è il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo di fabbricati e di aree edificabili ad eccezione dei terreni agricoli.
Dal 01/01/2016 sono escluse le unità immobiliari destinate ad abitazione principale dal possessore nonché dall’utilizzatore e dal suo nucleo familiare e le relative pertinenze, nonché le fattispecie assimilate all’abitazione principale ai sensi di legge e del Regolamento Comunale per l'applicazione dell’IMU ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.
La TASI è a carico sia del possessore che dell’utilizzatore. In caso di pluralità di possessori o di detentori, essi sono tenuti in solido all'adempimento dell'unica obbligazione tributaria. Nel caso in cui l'unità immobiliare sia occupata da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale sull'unità immobiliare, quest'ultimo e l'occupante sono titolari di un'autonoma obbligazione tributaria nella percentuale  rispettivamente dell’ 80% e del 20%, applicando l’aliquota d’imposta in riferimento alla tipologia di immobile.
 
ABBATTIMENTO 50%  DELLA BASE IMPONIBILE
A far data dal 01/01/2016 è previsto l’abbattimento al 50% della base imponibile:
IMMOBILI LOCATI A CANONE CONCORDATO
Per gli immobili locati a canone concordato di cui alla legge 9 dicembre 1998, n. 431, l’imposta, determinata applicando l’aliquota stabilita dal comune, è ridotta al 75 per cento.
 
ALIQUOTE
La rata di acconto 2016 dovrà essere pari al 50% dell’imposta dovuta.
aliquota abitazione principale solo per categoria A/1- A/8 - A/9 e relative pertinenze (C/2 - C/6 - C/7), così come definite dall'art. 13, comma 2, del Dl. n. 201/11 1 per mille
aliquota fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all'art. 13, comma 8, del Dl. n. 201/11 1 per mille
aliquota altri fabbricati 1 per mille
aliquota aree edificabili
L’aliquota della TASI applicabile alle aree edificabili di primo impianto e di tutte le aree edificabili che per la loro utilizzazione a fini edificatori richiedano la stipulazione di uno strumento urbanistico esecutivo deve ritenersi azzerata sino al momento di effettiva realizzazione delle strutture a servizio dell’area di primo impianto ovvero fino alla data di stipulazione dello strumento urbanistico esecutivo
1 per mille
unità immobiliari concesse in locazione ad uso abitazione principale – quota inquilino (20%) esente
 
DICHIARAZIONE TASI
La dichiarazione TASI relativa al 2016 e le eventuali autocertificazioni devono essere presentate all’Ufficio Tributi del Comune entro il 30/06/2017.
 

MODALITA’ DI PAGAMENTO IMU E TASI

L’imposta deve essere corrisposta mediante modello di versamento F24 oppure mediante apposito bollettino c/c postale da reperire presso gli uffici postali. Il modello F24  può essere compilato autonomamente accedendo allo sportello web IUC presente sia sul sito istituzionale del comune sia sul sito del CIS srl. In caso di utilizzo del modello F24 va compilata la sezione “IMU ed altri tributi locali” con l’indicazione del Codice Ente Comune di Poggio San Marcello “G771” ed i rispettivi codici tributo di seguito riportati
DESCRIZIONE CODICE TRIBUTO
IMU per abitazione principale e relative pertinenze 3912 (comune)
IMU per aree fabbricabili 3916 (comune)
IMU per gli altri fabbricati 3918 (comune)
IMU per fabbricati categoria D riservata allo stato - La quota fissa dello 0,76%  è riservata e versata a favore dello stato 3925     (stato)
IMU per fabbricati categoria D incremento riservato al comune 3930 (comune)
TASI su abitazione principale e relative pertinenze 3958 (comune)
TASI per fabbricati rurali ad uso strumentale 3959 (comune)
TASI per le aree fabbricabili 3960 (comune)
TASI per altri fabbricati 3961 (comune)
 
Sia per la TASI che per l’IMU l’imposta non è versata qualora essa sia uguale o inferiore ad € 2,00 annui. Tale importo si intende riferito all’imposta complessivamente dovuta per l’anno e non alle singole rate di acconto e di saldo.
 
Per quanto non riportato nella presente nota informativa si rimanda:


  
Per quanto non riportato nella presente nota informativa si consiglia di consultare il seguente link:
www.cis-info.it